Alito cattivo

 

L'alito cattivo, nel linguaggio scientifico detto anche alitosa o fetor ex ore, j, può rappresentare per una persona un grande problema personale e sociale. Di alitosi si parla, quando l'alito cattivo rimane anche dopo la pulizia dei denti e persiste ogni giorno.

L'alito cattivo cronico è un problema molto comune. Nel 90% dei casi questo alito ha origine in bocca. Le cause possono essere sia locali che sistematiche. La putrefazione batterica delle sostanze organiche in bocca, naso, faringe, esofago, polmoni rappresenta una delle cause locali dell'alito cattivo. L'alito respingente si sviluppa quando in un punto preciso si moltiplicano i batteri anaerobi che hanno la funzione di putrefare la proteina. A questo punto si formano volatili composti di zolfo - solfuro di idrogeno e mercaptani che hanno odore forte e sgradevole di uova marce. Il metilmercaptano ha l'odore delle feci, mentre cadaverina ha l'odore di cadavere in putrefazione.

Il processo di putrefazione possono subire: resti di cibo, cellule infiammatorie e altre, proteine nella saliva, muco nasale, sangue, corpi estranei.

Tra le possibili cause locali possono essere: scarsa igiene orale, infiammazione peridentale, infiammazione delle gengive, patina sulla radice della lingua, muco retronasale, infiammazione cronica delle tonsille, mal di gola cronico, sinusite, infiammazione della mucosa nasale (atrofica e ipertrofica), corpo estraneo nel naso o nell'esofago, stenosi esofagee (organiche o funzionali), diverticolo esofageo, infiammazione dell'esofago, bronchite cronica, bronchiectasie, ascesso polmonare, tumore ai polmoni. Le cause sistematiche invece sono seguenti: disidratazione, febbre, esaurimento, malattie epatiche e renali, diabete.