Celiachia

 
La celiachia è una malattia dell'intestino tenue nel quale si verifica deterioramento dei villi intestinali. La conseguenza è uno scarso assorbimento delle sostanze nutrienti. Questo lento assorbimento provoca la mancanza di vitamine e di altri nutrienti. Il risultato è uno sviluppo non ottimale dell'organismo e una bassa resistenza fisica.
La malattia è la conseguenza della ipersensibilità al glutine. Accade di solito nelle famiglie; la media è del 10% di tutti i parenti che hanno la malattia celiaca accertata nella famiglia. Spesso si verifica dopo situazioni di stress, le operazioni chirurgiche, la gravidanza, il parto e dopo le infezioni virali.

I pazienti possono avere i seguenti sintomi: diarrea, dolori addominali, crampi addominali, peso corporeo ridotto, anemia, dolori articolari, intorpidimento delle gambe a causa di danni ai nervi, perdita del ciclo mestruale, ritardo nello sviluppo fisico, irritabilità, depressione.
Il glutine è una proteina presente nel grano, proteine simili si trovano anche nei semi di orzo, segale ed avena. La malattia viene curata con una dieta senza glutine rigorosa per tutta la vita. Nella maggior parte delle persone questo tipo di dieta migliora la condizione e i sintomi scompaiono gradualmente. Prodotti alimentari contenenti frumento, segale, orzo, avena sono assolutamente proibiti in una dieta senza glutine.

Tutti gli altri alimenti quali: mais, riso, grano saraceno, miglio, patate, verdure, frutta, latte, uova, carne e pesce sono consentiti nella dieta dei pazienti con la malattia celiaca. Come sostituto per la farina di frumento ci sono varie farine senza glutine. Si trovano anche il pane, la pasta e i biscotti senza glutine.La diagnosi si fa con l'analisi del sangue, con una biopsia della mucosa dell'intestino tenue e con l'esame microscopico.